I segreti dell’uva: Settembre mese di vendemmia

Si dice che la lista delle proprietà medicamentose ascritte all’uva sia tanto lunga quante sono le sue varietà: in effetti, proprio per la peculiare composizione nutrizionale e chimica, l’uva viene sfruttata nel settore alimentare, fitoterapico e cosmetico.

Un vero concentrato di sostanze preziose che regalano benessere.

Il frutto della vite è costituito da bacche (acini) più o meno piccole, rotonde o oblunghe, riunite in grappoli.
In base al colore si identificano uve bianche, nere o rosate; secondo l’impiego, si hanno uve da tavola, uve da vino o uve da essiccare (varietà senza semi).

L’uva è molto ricca di zuccheri direttamente assimilabili (glucosio, levulosio, mannosio); è ricca in sali minerali, in particolare potassio; presenti ferro, fosforo, calcio, manganese, magnesio, iodio, silicio, cloro, arsenico seppur in quantità meno importanti, contiene inoltre acidi organici.

Tra le vitamine dell’uva non possono mancare la C, la B1, la B2, PP ed A. Le diverse specie di polifenoli sono eccezionali nel proteggere da un invecchiamento precoce della pelle ed esercitano una forte azione vasoprotettiva.

I segreti dell'uva: Settembre mese di vendemmia

Occorre però ricordare che la composizione e il gusto dell’uva variano molto secondo la zona di produzione, le condizioni climatiche e la varietà.

L’uva in cucina

Si consuma come frutto fresco, in macedonia o ridotta in succo; con l’uva fresca molto matura si prepara il vincotto, mosto stracotto fino a diventare dolcissimo, utilizzato per preparare alcuni dolci tradizionali.

Dai semi (vinaccioli) del’uva si ricava un olio ricco di acidi grassi benefici per la salute se usato a crudo.

Rispetto alla maggior parte della frutta, contiene più calorie e non è indicata ai diabetici e nei regimi alimentari ristretti

I segreti dell'uva: Settembre mese di vendemmia

L’uva è ricca di proprietà salutari

È indicata in caso di anemia e affaticamento, uricemia e gotta, artrite, vene varicose, iperazotemia, malattie della pelle.

L’uva ha proprietà antiossidanti e, pare, preventive per alcune forme di cancro, dovute soprattutto al contenuto di polifenoli e di resveratrolo, presente nella buccia dell’uva nera; ha inoltre proprietà antivirali, grazie al contenuto di acido tannico e di fenolo, in grado di contrastare il virus dell’herpes simplex

L’uva risulta anche particolarmente utile in caso di stitichezza.
Chi soffre di disturbi digestivi, dovrebbe mangiare gli acini d’uva senza buccia e semi.

L’uva in estetica

può essere interamente impiegata in cosmesi a partire dal frutto, costituito dall’acino, dal seme, dalla buccia e dal succo fino ad arrivare al vino.

Gli α-idrossi acidi qui contenuti riescono a penetrare negli strati dell’epidermide, rimuovendo le cellule morte, quindi favoriscono il turnover cellulare, portando in superficie le cellule nuove; ne deriva in conclusione un effetto vellutante e un aumento della luminosità della pelle.

I segreti dell'uva: Settembre mese di vendemmia

I semi dell’uva, detti vinaccioli, sono costituiti principalmente da: zuccheri (36%), lipidi (20%, di cui acido oleico, linoleico e palmitico), proteine (6%), polifenoli (6%) e sali minerali (4%).

L’uso dell’olio che si ottiene dai semi d’uva, o vinaccioli, va sempre più diffondendosi nella pratica dietetica e farmaceutica per le proprietà vitaminiche F dovute all’elevato contenuto in acidi grassi polinsaturi.

La parte più interessante è quella lipidica che costituisce circa il 15-20% del seme.

È composta da trigliceridi per lo più insaturi e ha spiccate proprietà emollienti ed entra come veicolo pregiato nelle preparazioni cosmetiche e farmaceutiche.

Il vinacciolo è la fonte naturale in grado di dare in assoluto la resa più elevata di procianidine (forte azione antiossidante e dermoprotettiva). È un olio leggero e scorrevole che viene assorbito facilmente e non lascia la pelle unta

La buccia dell’acino rosso contiene i preziosi polifenoli e i sali minerali;  pure nel succo dell’uva rossa si ritrovano antociani, tannini e flavonoidi.

Le antocianine sono agenti antinfiammatori, che svolgono un’azione chemiopreventiva anche a livello della pelle, soprattutto dopo l’esposizione solare; si legano infine alle fibre di collagene rinforzando il tessuto connettivo del derma.

Godiamoci quindi le proprietà delle nostre meravigliose uve sia nell’alimentazione sia per essere più belli!

Facebook Comments
I segreti dell’uva: Settembre mese di vendemmia dot.ssa Elisabetta Mantovani

About The Author

dot.ssa Elisabetta Mantovani

Laureata in chimica, consulente tecnica e formatrice in estetica da molti anni, si occupa di controllo qualità e formulazione di prodotti estetici, controllo e progettazione macchinari per l’estetica.
Ha conseguito il diploma e il master di consulente alimentare per la dieta Zona, è stata proprietaria e direttrice di un centro estetico.
Per passione verso il settore si è diplomata massoterapista e si diletta nell’approfondimento di tutte le terapie olistiche che fanno da contorno all’estetica e alla medicina tradizionale.
Eclettica negli interessi personali come la lettura in generale e il fantasy in particolare, le passeggiate a cavallo e lo stile di vita country, la pittura, la musica e soprattutto il ballo, infatti è diplomata ANMB come insegnate di balli Country.
Il suo rammarico: peccato ci siano solo 7 giorni in una settimana perché se ce ne fossero 8 potrei fare qualche altra attività!!!

Shares